fbpx

“Respirare fiori” e trasformarli in emozioni.

Pubblicato da emma il

Ben tornate mie care spose! Respirare fiori e trasformarli in emozioni, questo è il messaggio più forte che mi ha lasciato il professionista di cui vi parlo oggi.

E’ carico di energia, voglia di imparare e crescere professionalmente ogni giorno di più.

Ha sempre il sorriso e questo è molto importante perché voi spose dovete vivere un clima sereno durante i preparativi.

Umile, intelligente e collaborativo, caratteristiche ottime quando si collabora con un Floral designer. Il tempo che noi planner trascorriamo insieme a questa figura professionale, durante i preparativi del vostro matrimonio, è veramente tanto.

Ci scambiamo tantissime informazioni e la precisione è fondamentale per poter utilizzare correttamente gli stili, i colori, le sfumature e l’atmosfera da voi scelti. Respirare fiori e trasformarli in emozioni è vero perché tramite loro dobbiamo dare vita al vostro matrimonio. I fiori dovranno parlare del vostro sogno.

Il Floral designer è il “fiorista che progetta con creatività, e realizza con arte, armonia ed equilibrio, composizioni, addobbi e decorazioni floreali, in continua ricerca di nuove forme, strutture e materiali, utilizzando un’approfondita conoscenza delle caratteristiche del colore, della forma, dei materiali, del contesto e delle tecniche di progettazione e di assemblaggio, ottenuta attraverso percorsi formativi specializzati in Italia ed all’estero ed esperienze lavorative di alto livello.”

Oggi il tema della nostra rubrica è veramente colorato!

Respirare fiori e trasformarli in emozioni: vi presento Diego Serra e la sua “Asia Flora

Diego si presenta così:

Ciao a tutti, mi chiamo Diego Serra, ho quasi 49 anni e “respiro fiori “ da quando avevo 8 anni.

La mia azienda Asia Flora, nasce il 22 settembre 2002 avendo acquisito l’azienda di mia madre già esistente dal 1980. Prende il nome da Asia, la mia primogenita.

"Respirare fiori" e trasformarli in emozioni.

Come nasce la tua passione per questo lavoro?

Ho iniziato con mia madre e ho assorbito fin da piccolo il suo modo di lavorare e di stare a contatto con le persone. La mia passione floreale nasce dal mio amore spassionato per le piante e i fiori che ho studiato per anni, nonostante i miei studi scolastici fossero ben diversi.

Diego conferma quanto sia importante per noi del settore wedding, ma non solo, aggiornarsi costantemente e formarsi anche in nuove sfumature del nostro settore. Il suo curriculum è sicuramente notevole!

Aggiornamenti costanti; sono divenuto floral design a Roma nel 2017, ho conseguito diplomi in corsi monotematici di ogni tipo. Ho conseguito il diploma di “Fiorista internazionale ” dalla scuola d’Arte Floreale , e sono stato selezionato da uno staff per lavorare in eventi floreali di altissimi livelli in giro per il mondo.

Quindi assolutamente sempre al passo con i nuovi stili e design.

"Respirare fiori" e trasformarli in emozioni.

Spiegaci perché secondo te i fiori sono protagonisti nel matrimonio (Certo, fare questa domanda al Floral designer è un po’ come chiedere all’oste se il vino è buono però io ritengo sempre giusto si spieghi l’importanza del proprio servizio e Diego da una motivazione molto romantica!)

Semplicemente perché alla fine di tutto, anche dopo anni e anni dalla cerimonia, nelle foto e nei video i fiori resteranno sempre un ricordo romantico e indelebile che scalderanno il cuore di chi li ha “respirati” come il primo momento in cui sono stati ricevuti .

Quindi mie care spose, l’allestimento floreale è importante perché farà da cornice ai vostri ricordi, renderà le foto ricche di colore e atmosfera, arricchirà il vostro sweet table, rendendolo unico e indimenticabile. Io personalmente considero i fiori un allestimento silente, se c’è si mimetizza, dandosi quasi per scontato ma se manca la sua assenza tuona.

Qual’è lo stile in cui ti rappresenti meglio?

Di mio solitamente amo lo stile naturale e semplice che più si adatta al mio carattere ma, chiaramente, eseguo lo stile per cui vengono richiesti i miei lavori.

Ultimamente le spose hanno le idee molto chiare su gusti e stili e vengono da me spesso con un progetto già ben definito.

Io non faccio altro che ” limare” alcune imperfezioni e creare i loro desideri.

Io sono un ” portavoce” dei gusti delle spose.

"Respirare fiori" e trasformarli in emozioni.

Quanti matrimoni puoi gestire in una giornata?

Dipende dai matrimoni e dalle distanze chiaramente, ma con il giusto staff al seguito siamo riusciti a gestire anche 3 matrimoni in un giorno

Ed ecco un altro punto molto importante: i sopralluoghi. Generalmente è bene organizzare un incontro con tutti i fornitori nella location scelta. Perché? Diego lo spiega bene:

Assolutamente per me è indispensabile fare un sopralluogo, ho bisogno di vedere spazi e stili della location, ho bisogno di capire i tempi di spostamento e ho bisogno di parlare con lo staff dell’hotel o del ristorante in cui vado ad operare. È indispensabile per me non creare attriti con nessuno in modo che tutto possa svolgersi al meglio e nel modo più veloce possibile.

"Respirare fiori" e trasformarli in emozioni.

Il disallestimento della location deve essere sempre una voce di cui tener conto quando si parla di figure professionali come floral designer o agenzie di noleggio e posa arredi in quanto può essere un costo aggiuntivo in quanto richiede un plus di lavoro. Diego è molto chiaro:

Certo, in particolare il disallestimento può avere dei costi aggiuntivi perché viene eseguito in orari improbabili o addirittura in giornate successive alla cerimonia con conseguenti spostamenti extra di mezzi e personale.

Di solito queste spese vengono definite in sede di preventivo, alcune volte può capitare che vengano ammortizzate nel costo stesso dell’ evento.

Qual’è la tua filosofia di lavoro?

Ama il tuo lavoro e non lavorerai mai un solo giorno della tua vita.

Spendiamo ora due parole per il bouquet da sposa, quali fiori non possono mancare e perché?

Assolutamente le rose e le peonie, sono i fiori più romantici in assoluto che un futuro sposo può donare in segno del suo Amore alla sua futura moglie.

Parlaci delle tendenze 2021, cosa ci propone la moda?

Si punta alla semplicità, al voler stare insieme, alla gioia , a lunghe tavolate in legno con tanta edera che unisca le persone, tante candele che possano illuminare il volto e i sorrisi, tanta buona musica che non soffochi allegria e risate e chiaramente tanti bei fiori chiari in toni che vanno dal cipria al rosa e al viola, tante foglie di verde come la cinerea, l’ asparagus e il muschio, tante rose , peonie dalie e tante bacche di ogni genere.

Niente di finto o contraffatto, solo tessuti e nastri naturali.

Tutto più naturale possibile

Un altro aspetto molto importante per Diego riguarda il “rispetto”. Quando si parla di allestimento floreale si includono diverse zone quali: la chiesa o il comune, il ristorante, le case degli sposi e via dicendo. Per quanto riguarda la Chiesa sottolinea:

Talvolta purtroppo ci si avvicina alla chiesa solo per la location o perché è tradizione sposarsi in chiesa.
Bisogna tener conto che è comunque un luogo di fede e occorre tenere il giusto rispetto per il luogo e per il parroco sia da parte di chi convola a nozze ma anche e soprattutto da parte di tutti gli operatori del wedding, quindi fioristi, fotografi cantanti, wedding planner ecc.
Tutti dobbiamo tener conto che è un luogo di culto, qualunque esso sia e portare il giusto rispetto.
Indispensabile quindi chiarire sempre tutti gli aspetti progettuali della cerimonia col parroco per evitare poi spiacevoli polemiche.

Esatto. Può capitare che alcuni parroci abbiano chiesto che la sposa non avesse le spalle scoperte o che si rispettasse un determinato colore dei fiori o anche un determinato allestimento all’interno della chiesa. Ecco perché, ricollegandoci al discorso dei sopralluoghi, è sempre bene visitare e fare una chiacchierata tanto col parroco quanto con gli eventuali impiegati del comune per quanto riguarda le case comunali.

Come valuti la collaborazione con la wedding planner?

Lo ritengo strategico. Alcune collaborazioni con wedding planner le ritengono indispensabili, perché entrambe le figure professionali possono creare insieme tantissima magia, quella che ogni Sposa chiede per il suo giorno più importante.

Finisce qui l’intervista al Floral Designer, avete respirato fiori?

Spero che anche questa intervista vi sia piaciuta.

Fatemi sapere cosa ne pensate.

A presto,

Emma


2 commenti

Antonio Atzori · 3 Ottobre 2020 alle 15:42

Conosco Diego da diversi anni e posso garantire che… unendo alla passione la sua pluridecennale esperienza e professionalità riesce a trasformare in vere e proprie Opere Uniche le sue creazioni floreali sempre con gusto e eleganza!

    emma · 3 Ottobre 2020 alle 18:13

    Grazie per il suo commento, mi trova pienamente d’accordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *